In evidenza

La prima colazione in hotel

Il servizio della prima colazione

La prima colazione è il biglietto da visita dell’hotel.

In albergo la colazione è un buon biglietto da visita e molte volte la tipologia di servizio offerto fa la differenza per il cliente. Capita spesso che le aspettative degli  avventori siano deluse quando ci si trova difronte ad una colazione misera costituita da prodotti confezionati di scarsa qualità. Eppure, anche se le abitudini degli italiani ci portano a consumare solitamente una colazione veloce al bar, sappiamo che durante il soggiorno in albergo gli stessi colgono l’occasione per concedersi un colazione ricca e gustosa. La qualità del servizio e dei prodotti offerti è quindi di primaria importanza per dimostrare ai nostri clienti quanto ci teniamo a loro e per lasciare un buon ricordo prima della partenza.

Nelle famiglie italiane la prima colazione, per abitudine, rappresenta un piccolo pasto breve e frugale,  spesso consumato anche fuori casa, ma a livello internazionale costituisce il pasto più importante della giornata e prevede la consumazione di preparazioni dolci e salate. Per questo rappresenta uno dei servizi di punta dell’offerta alberghiera di tutti i Paesi.

L’offerta alberghiera: adeguare il servizio alla tipologia di clientela

Il servizio della prima colazione negli alberghi italiani avviene tra le ore 6,30 e le ore 10.00 e può svolgersi sia in sala sia per mezzo del servizio in camera.

Tradizionalmente le due principali tipologie di piccola colazione sono la piccola colazione continentale e la piccola colazione all’inglese o all’americana.

Nella maggior parte delle strutture ricettive è molto diffuso il servizio “ a buffet”  perché permette di offrire una soluzione di cibi molto ricca e variegata rispondendo così a diverse esigenze ed abitudini alimentari diverse. La soluzione del grande “buffet delle colazioni” però non è adatta a tutte le strutture ricettive perché rappresenta una scelta dispendiosa in termini di costi di personale e di derrate alimentari, il rischio è di “risparmiare” sulla qualità dei prodotti offerti  o sul servizio. Se, infatti, negli grandi alberghi con un target di clientela molto ampio può rivelarsi la scelta più adatta potrebbe non essere così in altre strutture più piccole e caratteristiche quali: alberghi a gestione familiare, b&b e agriturismi, dove può essere più adatto un servizio colazione intimo e raccolto che comprenda meno scelta ma l’impiego di prodotti e preparazioni di qualità.

Colazioni tradizionali e tipiche: alcuni esempi di menu e di composizione del buffet.

La colazione anglosassone

L’English breakfast è una colazione molto ricca a prevalenza salata e prevede il consumo di uova, bacon, funghi, toast e salsicce, ma anche muffin salati, porridge e pancakes.

Quasi sempre accompagnate da bacon caldo e croccante, le uova possono essere preparate in vari modi e ogni commensale gradisce il suo particolare metodo di cottura: alla coque, barzotte, sode, strapazzate, oppure all’occhio di bue.

Il pane tostato è sempre presente nel buffet per accompagnare uova, salumi e formaggio, spesso spalmato con burro.

I muffin salati sono molto diversi da quelli dolci americani, si tratta di piccole tortine farcite con bacon e formaggio che un tempo veniva preparate con pane raffermo.

Menzione particolare per il porridge, una pappa di avena di origini scozzesi. Viene preparata con acqua, latte e fiocchi di avena è servita con miele e frutta fresca o secca. E’ un piatto povero ma molto nutriente perfetto per iniziare la giornata, tanto che è diffuso in tutto il Regno Unito, Irlanda e Stati Uniti. Il suo successo è dovuto all’impiego dell’avena, cereale ricco di fibre e proteine, ma anche di sostanze grasse buone come l’acido linoleico.

Un alimento dalle tante proprietà nutraceutiche, valido alleato contro il colesterolo cattivo e con un basso indice glicemico. 

Sono presenti anche le verdure Come pomodori grigliati e funghi e i fagioli in salsa di pomodoro.  Tradizionale il black pudding, ovvero il sanguinaccio, un insaccato preparato con diverse parti del maiale e insaporito con spezie e erbe aromatiche. Non può mancare il tè nero con l’aggiunta di latte.

English breakfast

  • Bevande calde ( caffè, latte, cappuccino, cioccolata…);
  • Succhi e spremute;
  • Assortimento di brioches;
  • Pane e fette biscottate
  • Toast caldi e freddi
  • Varietà yogurt;
  • Cereali soffiati;
  • marmellate, cioccolata, miele;
  • Affettati;
  • Formaggi;
  • Uova;
  • Bacon;
  • Porridge;
  • Frutta fresca;
  • Frittelle e pancakes;

La colazione tipica scozzese

I pancakes

I pancakes sono frittelle dolci che possono essere servite con sciroppo d’acero, panna montata, frutta e miele.

Fonti:

http://www.gamberorosso.it/it/food/1046505-colazioni-del-mondo-regno-unito-english-breakfast-porridge-muffin-inglesi

In evidenza

Pane amore e… 8° lezione: dolci per la prima colazione

Incontro del 2 maggio 2018

“dolci per la prima colazione”

argomenti e ricette

ciambellone a due gusti

torta di mele

plum cake

crostata al cioccolato

biscottoni

pasticciotti al limone

In evidenza

Pane amore e… 7° lezione: “la cucina del benessere”

Incontro del 26 aprile 2018

”la cucina del benessere”

argomenti e ricette

Insalata di riso integrale e fagiolina del lago Trasimeno

Polpette di ceci e lenticchie

Zuppa di ceci neri e farro

Pane di segale con semi di zucca

Pane integrale con noci e fiocchi d’avena

Dolcetti freddi di riso al cocco

In evidenza

Pane amore e… 5° lezione: “il pane fatto in casa”

Incontro del 12 aprile 2018

“il pane fatto in casa”

argomenti e ricette

Pane di patate

Pane condito

Pane al farro

Pane integrale

Pane di Shabbat (pane ebraico)

Pane bianco di semola

 

In evidenza

Pane amore e… 4° lezione: “Pasta fresca fatta in casa”

Incontro del 5 aprile 2018

“pasta fresca fatta in casa”

argomenti e ricette

Tagliatelle al ragù

Ravioli alle erbe

Farfalle all’uovo con verdure e salsiccia

Culurgiones

Orecchiette con pomodoro piccante

Spaghetti alla chitarra con pancetta e pomodorini

In evidenza

Pane amore e… 3° lezione: “il pic nic di pasquetta”

Incontro del 22 marzo 2018

“il pic nic di pasquetta”

argomenti e ricette

panini al latte

tigelle

pasticcio di carne

insalata di farro alle verdure

insalata di pasta con pesto di rucola, zucchine e crema di caprino

pastiera al farro

In evidenza

Pane amore e… 2° lezione: “il pranzo di Pasqua”

Incontro del 15 marzo 2018

”il pranzo di Pasqua”

preparazioni e ricette

Insalata di farro con carciofi, asparagi e uova sode

Coratella con i carciofi e piccole tigelle di accompagnamento

*

Tortelli alle erbe

Strangozzi con fave, pancetta e pecorino

**

Coscio di agnello alla menta

***

Ciaramicola pasquale

In evidenza

Pane amore e… 1° lezione: “la colazione pasquale”

Incontro dell’8 marzo 2018

“La colazione Pasquale”

preparazioni e ricette

Torta pasqualina

Casatiello napoletano

Torta umbra al formaggio

Crostate salate

Fave e Pecorino

Salumi Misti

Ciaramicola

Sarcelle salentine

Cheese Cake

Ingredienti per una tortiera da 24 cm :
Per la base:

250 di biscotti secchi
150 g di burro

Per la farcitura:

400 g di ricotta
100 g di formaggio tipo Philadelphia
100 ml di yogurt magro
100 g di zucchero
2 uova
il succo di mezzo limone
1 bustina di vanillina o qualche goccia di estratto di vaniglia
marmellata di frutti di bosco q.b

Procedimento:

Preparazione della base:

Tritare i biscotti secchi al mixer, sciogliere il burro e aggiungerlo ai biscotti quindi mescolare il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
Prendere una teglia e foderarla con la carta forno poi versarvi il composto di biscotti e burro e schiacciarli bene con un cucchiaio. Riporre la teglia in frigorifero.

Preparazione della farcitura:

In una ciotola versare le uova, lo zucchero, la vaniglia e il succo di limone e sbattere bene il tutto.
Unire la ricotta il formaggio e lo yogurt, mescolare il tutto e versarlo nella teglia.

Cuocere in forno a 180° C per circa 1 ora.

A cottura ultimata mettere il dolce a raffreddare, quindi versarvi sopra la marmellata di frutti di bosco.